TtrAM: come raccontare un archivio

Questa estate ho avuto la fortuna di vedere con i miei occhi cosa accade quando un archivio viene ordinato, inventariato e valorizzato. È come una magia: la storia si fa viva e si può attraversarla fisicamente.

Va bene lo ammetto: ero a Trento! E alcuni potranno dire che non è Italia, ma di best practices ne è piena la penisola e magari cercheremo di esplorarle insieme partendo proprio da TtrAM (che, oltre ad essere l’acronimo di Trentino trasporti Archivio e Museo, è anche il modo in cui storicamente e popolarmente viene chiamato il treno che percorre la ferrovia Trento-Malé, in origine, appunto, un tram).

Breve storia della società

SAMSUNG CSC
TtrAM, archivio storico.

Tutto parte da un archivio, nel quale è conservata la storia della Ferrovia Trentino-Malé e della Società Automobilistica Atesina. Una storia che continua ai giorni nostri con l’azienda Trentino trasporti.

Nel lontano 1907 prendono il via i lavori per la costruzione della tramvia Trentino-Malé, a quasi cinquant’anni di distanza dalla prima linea ferroviaria del territorio trentino, che collegava Verona-Bolzano-Innsbruck.

Numerosi sono i volti della società: austriaca di origine, passa sotto le competenze delle Ferrovie dello Stato italiane nel primo dopoguerra, per essere poi privatizzata durante il periodo fascista; quando viene danneggiata durante il secondo conflitto mondiale ottiene finanziamenti dal governo per la ricostruzione e modernizzazione (si passa così dalle originali 4 ore di percorrenza a soli 80 minuti). Proprio in questi anni, durante la ricostruzione, la società decide di investire anche nei trasporti su gomma. L’unione tra servizio ferroviario e automobilistico avrà il suo apice negli anni ’70, quando i servizi pubblici di trasporto nella provincia di Trento vengono concentrati in due società: Atesina Spa e Ferrovia Trento-Malé Spa.

La Società Automobilistica Atesina, fondata a Trento nel 1922, detiene sin dai sui primi anni il monopolio del trasporto su gomma: tra le prime linee inaugurate c’è quella che collega Trento a Rovereto. Anche l’Atesina vive cessioni e integrazioni, fino a che negli anni ’70 non diventa a partecipazione pubblica, svolta che finalmente consentirà di razionalizzare le linee.

Nel novembre del 2002, sotto l’egida della Provincia di Trento (legge provinciale 9 luglio 1993 n. 16), le due storiche società di trasporto si uniscono dando vita alla Trentino trasporti Spa.

Dall’archivio al museo

SAMSUNG CSC
Francesco Antoniol e Roberto Marini: archivisti a lavoro.

E fino qui non c’è niente di nuovo: un archivio, una storia. La magia di TtrAM è il modo in cui questa storia e questo archivio hanno preso vita, dando forma a un progetto di valorizzazione che può essere da esempio a molte altre realtà territoriali.

Ad occuparsi di questo grande progetto è stata la Virginia Studio Associato, società fondata dai due archivisti Francesco Antoniol e Roberto Marini, attualmente membri del comitato scientifico TtrAM.

Nel 2017 verrà alla luce l’anima archivistica di TtrAM: l’inventario, che sarà pubblicato sul sistema “Archivi Storici del Trentino”(AST), per i tradizionalisti verrà pubblicata anche una guida cartacea. Nell’attesa potrete ripercorrere la storia della società di trasporti tra le carte e gli oggetti esposti nel museo: registri, divise, macchinette obliteratrici, foto d’epoca accompagnano il visitatore alla scoperta di un’azienda che vanta un secolo di storia.

23978351782_9db5625cd3_k
TtrAM, Museo. Esposizione interna.

La parte più entusiasmante del museo è senza dubbio l’esposizione esterna dei mezzi d’epoca, curatissima fin nei minimi particolari.

23718644949_d75936f198_k.jpg
TtrAM, Museo. Esposizione esterna.

In TtrAM passato e presente convivono armoniosamente: nello stesso edificio del museo hanno sede gli uffici amministrativi e dietro l’esposizione dei mezzi d’epoca c’è la grande rimessa dei mezzi che tutt’ora attraversano le strade di Trento e della provincia.

TtrAM non è semplicemente l’esempio di un’azienda che ha deciso di riportare in vita il suo archivio: è l’esempio di un archivio che ha saputo riportare in vita un’azienda, la sua identità e la sua storia.

Annunci

Un pensiero riguardo “TtrAM: come raccontare un archivio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...